Costruiamo la resistenza al kayfun

Valutazione attuale:  / 18
ScarsoOttimo 

In questo articolo descrivo come fare la resistenza che Sergey Svoëmesto ha pensato quando il kayfun è venuto alla luce. Ne trovate anche un video nel dettaglio del prodotto dove all'opera c'è proprio Sergey.


Per prima cosa, soprattutto se il kayfun è nuovo è buona norma smontare ogni pezzo, lavarlo e porre una goccia di vasellina liquida sulle filettature. Dopo di che abbiamo bisogno di un pezzetto di wick da 2mm se usiamo la silica o da 1mm se usiamo la ekowool, un po' di filo resistivo (nel mio caso kanthal da 0.20), tronchesine e cacciavite a spacco e a croce... 









A questo punto prendiamo la wick e pieghiamo verso l'interno prima un capo e poi l'altro... 







Ora prendiamo il filo resistivo e con una fiamma lo facciamo diventare incandescente e poi lasciamolo raffreddare subito dopo, in questo modo il filo si pulisce e prende meglio la forma che gli diamo. A questo punto facciamo la nostra resistenza, facendo in modo che un capo vada verso l'alto e l'altro capo perso il basso... 







Posizioniamo in obliquo la nostra resistenza nella parte rigenerabile del kayfun in modo che le due estremità del filo resistivo vadano a contatto con le vitine precedentemente svitate... 







Ora avvolgiamo i fili nelle vitine e stringiamo con un cacciavite a croce... 







Tagliamo la parte di filo resistivo in eccedenza con una tronchesina o semplicemente ruotando velocemente il filo... 







Adesso con un cacciavite a spacco piccolo alziamo la parte centrale della wick in modo da liberare il foro dell'aria e sempre con il cacciavite a spacco separiamo bene le spire una dall'altra... 







Ora siamo pronti per regolare la quantità di wick che andrà nel cilindro del kayfun, questo lo si fa tirando i due capi della wick, preferibilmente prima di fare questo passaggio, bagnare con un po' di liquido la parte dove ci sono le spire, per far scorrere meglio la wick... 







Una volta che arriviamo alla misura giusta, cioè quando la wick piegandola arriva con la punta nelle due scanalature da dove entra il liquido, possiamo tagliare la wick in eccesso... 







Ora alzare i due capi della wick verso l'alto e inserirle nel cilindro... 











Il passo successivo è quello di piegare verso i due lati la wick, facendo presente che non deve occludere le canalette del liquido... 







Bagnamo di eliquid la wick e dopo aver montato il kayfun su un BB, verifichiamo il corretto funzionamento e che non ci siano hot spot... 







Avvitiamo il camino sopra il cilindro e subito dopo montiamo la vaschetta e la avvitiamo alla parte rigenerabile del kayfun... 















Avvitiamo il cap superiore e inseriamo il drip tip... 











Per concludere, se si è in possesso di un kayfun 3.1 bisogna caricarlo o dal cap superiore o dalla valvola, mentre nel caso del kayfun Lite, bisogna svitare la vitina nella parte inferiore, ricaricare e riavviare il tutto... 











Se quando svapate vedete che il kayfun è un po' allagato o vi perde dal foro dell'aria, bisogna togliere il drip tip e posizionarci un pezzetto di carta assorbente, e contemporaneamente soffiare dal foro dell'aria, fatta questa operazione 2/3 volte ripulite il tutto e rimontate il drip tip. Se durante la svapata il kayfun vi va a secco, vuol dire che avete lasciato troppa wick nei due lati del rigenerabile, mentre se vi si allaga e perde, ne avete usata troppo poca. 



  BUONE SVAPATE  



Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere in anteprima tutte le novita Svoëmesto